carnet de notes 494

 

rondini spinate

http://www.archivivitali.org


carnet de notes 494

carnet de notes by paolo rinaldi, rinaldi.paolo@fastwebnet.it, 0039.3483577940, @paolorinaldi, https://www.facebook.com/paolrin


voyages

donoussa e kimolos, greece/grecia

http://www.visitgreece.gr


lofoten, isola di vestagoy

http://www.visitnorway.it


architecture

red pavilion by dierendonckblancke architects crowns belgian manor

belgian studio dierendonckblancke architects renovated an old, traditional manor house in the center of ghent by adding a daring red volume on top. the owners asked the architects to extend their single family home and incorporate a garden or exterior space plus a quiet reading area. due to the house’s urban location, the architects decided to turn to an area that had been unused until now, the roof

http://dierendonckblancke.eu/


scottish artist david mach has unveiled designs for his first ever building – a new arts, events and conference venue made out of more than 30 shipping containers arranged in a sculptural form. the unique multi-purpose building named ‘mach 1’, will act as the marketing suite for the 43 acre edinburgh park development masterplanned by stirling prize-nominated architects dixon jones

https://www.davidmach.com/


Zhuhai Opera House, con struttura a conchiglia eretta da 90 e 60 metri d’altezza, visibile da lontano a rappresentare il sole e la luna, nel sud della Cina, al confine con Macao, sull'isola di Yelishan, in una ex città di pescatori di perle

 Futurix


hotels, restaurants e bar

margot krasojevi%u0107 architecture has proposed the lighthouse hotel, to be located off the coast of mainland south korea near the island of jeju. the concept integrates the issue of renewable energy, as the form of the building is envisioned to harness wave power, providing a source of electricity. the scheme comprises of three main elements that include the living, circulation and social areas. the structure utilizes an existing oil rig, using the current platform for structural support onto which the offshore hotel is designed. guests would access the accommodation by boat from the coast, making for a unique travel experience

krasojevi%u0107 has designed the structure of the hotel to be clad in layered aluminium, which wraps around the building and enclose hydropower turbines which produce electrical energy when they are lowered into the sea. these turbines convert kinetic water energy into electrical energy, generating enough power to run the lighthouse and desalination filters, with any surplus energy stored

http://www.margotkrasojevic.org/


snohetta completes europe's first underwater restaurant in norway as well as a unique dining experience, 'under' will function as an artificial reef, welcoming limpets and kelp to inhabit it

https://snohetta.com/projects/428-under-europes-first-underwater-restaurant


If being one with nature is your vacation motto, look no further then Headlands Coastal Lodge & Spa, an unpretentious oceanfront hotel on Oregon’s central coast. A short two-hour drive from Portland, the new lodge is stylish and modern, but also warm and charming. Set on the edge of a pristine stretch of land that is part of the Three Capes Scenic Route, there is plenty to see and do in the surrounding area – like hiking, bird watching, and digging for clams

https://headlandslodge.com/


terme di saturnia

https://www.termedisaturnia.it/it


installazioni

magnetic tape transforms bordeaux chapel into a tunnel of blurred boundaries. zilvinas kempinas presents two installations recreated in-situ made from long stretches of magnetic tape. the first unfolds within the historic chapelle du crous as a tunnel of tape within which visitors can walk, and be drawn deeper into the site of worship. viewers are enveloped in a semi-transparent passage made of carefully placed tape strips that blurs and distorts views of the surrounding chapel. ph pierre planchenault

https://www.zilvinaskempinas.com/


pricegore, an architecture practice, has teamed up with artist yinka ilori to design the ‘colour palace’, a temporary pavilion in london. the project is the outcome of an open design competition organized by the london festival of architecture and dulwich picture gallery

https://pricegore.co.uk/, https://yinkailori.com/?p=1172


Design firm Wutopia Lab in collaboration with digital construction team RoboticPlus.AI, has completed a modern public art installation that’s made from a woven carbon-fiber structure. ph CreatAR Images

https://www.facebook.com/pages/category/Architectural-Designer/WUtopia-Lab-1475649005793149/


design

Portlligat sunbed, design by Salvador Dalí, 1962, BD Art Editions

bdbarcelona.com


from top left, clockwise

chaise longue onda by armani casa, https://www.armani.com/

chaise longue arlette 1985 by living divani, https://livingdivani.it/it/homepage/

chaise longue by talenti, https://www.talentisrl.com/

cane divan by simo heikkila for lensvelt, lensvelt@lensvelt.nl


Max Lipsey, an American designer based in The Netherlands, has created the ‘Woven Bench’, a modern bench made from colorful strips.

https://www.maxlipsey.com/


London-based hayche released the www chair a few years ago and we thought it was time to revisit the modern windsor design to see how it was made. designed by alejandro villarreal, the chair features a solid wood seat resting atop four tapered legs, with a series of wire spindles that rise from the underside to join the wooden bar backrest

https://www.hayche.com/


Architecture studio Snohetta is working towards a more circular economy with its latest chair design, which is made from recycled plastic and steel taken from Norwegian fish farming industries.

Created in collaboration with furniture manufacturer Nordic Comfort Products (NCP), the chair is made using materials recycled from local %uFB01sh farming companies in northern Norway that produce large amounts of waste

https://snohetta.com/


Moulded with three holes for easy lifting (like a bowling ball), Butt is a vibrant, versatile stool that can be used indoors and outdoors thanks to its non-fading UV-stable plastic, originally developed for marine use. ph Nick Rochowski

http://www.establishedandsons.com


lumières

brancusi, parisotto formenton per viabizzuno

https://viabizzuno.com/it/


derby di linea light group intrappola parte del riverbero causato da suoni e rumori, contribuendo a “pulire” l’acustica

http://www.linealight.com


from top left, clockwise

Mexico City design studio David Pompa has rounded porous volcanic stone into spheres for its latest lighting collection https://www.davidpompa.com/

lamp medea by oriano favaretto for vetrerie vistosi. https://www.vistosi.it/

Malvasia, design Gregorio Facco for fabbian. https://www.fabbian.com/it

suspension lamp pulsar by cristina celestino per esperia. ph mattia balsamini. https://www.esperialuci.com/

Julian Valentin, Switzerland, Din – Design In 2019. http://www.promotedesign.it/din/en/2019.html

phoenix by andrea lazzari for vetreria vistosi. https://www.vistosi.it/

the gradation discolored ‘flame’ lamp almost appears as if the metal shade was heated by the light bulb’s heat output by the japanese studio, hamanishi design. ph masanobu morikawa. http://hamanishi.net/


Charlotte stages  thin LED light tubes with a noble yet minimalistic brass frame structure by daniel becker studio

http://www.danielbecker.eu


art

Photo souvenir: esquisse graphique per Un Manifesto Colorato, Ventotene, Italia, mise en page: Igor Antic © Daniel Buren & ADAGP, Paris. galleria continua

https://www.galleriacontinua.com/


L’intervento dell’artista inglese, conosciuto per le sue forme ispirate all’architettura e alla luce, si sviluppa nella cappella sconsacrata dell’ex Monastero di San Maurizio, Località San Maurizio, 39, Santo Stefano Belbo, Cuneo, in occasione dei 400 anni dalla fondazione

http://www.relaissanmaurizio.it


books

from left

william dello russo, genova, morellini editore; sicilia d'autore, morellini editore, https://www.morellinieditore.it/; federico formignani, aver molto viaggiato, luoghi, incontri ed emozioni, polaris editore, https://www.polariseditore.it/


exhibitions

left, mari&co, transito pomodoro, collettività = rosso. Transito è pensato per dare la possibilità di esprimere il talento e la passione in un luogo e in un momento definito e  si riassume nella definizione di “passaggio”,  di breve sosta. In questa edizione ospita la mostra intitolata collettività = rosso, risultato dell’incontro tra otto giovani studenti e altrettanti professionisti, chiamati a lavorare insieme alla creazione di un “contenitore d’artista” marienco.it

right, Après son Prix du public au Festival International de design, Design Parade Hyères en 2017, voilà l'ouverture de l'exposition Les Fontaines d'Arthur Hoffner à la Galerie de Sèvres

https://www.sevresciteceramique.fr


from top left, clockwise

cinzia ruggeri, la règle du jeu, http://www.federicovavassori.com/

nanda vigo, light project, https://www.palazzorealemilano.it/

remo bianco, le impronte della memoria, sala fontana del museo del novecento, milano, www.museodel novecento.org

aldo rota-erica tamborini, energy of space, club sea lounges, milano malpensa airport, https://www.domusweb.it/it/notizie/2018/11/06/aldo-rota-la-nuova-monografia-dellartista-lombardo.html

yves klein, ex voto, dédieé à sainte rita de cascia par yves klein, 1961, monastero di s. rita delle agostiniane di cascia

http://www.fondazionecariperugiaarte.it

Giorgio de Chirico, Il figliol prodigo, 1922 Tempera su tela, 87 x 59 cm, particolare. Milano, Museo del Novecento, www.museodel novecento.org

Giorgio de Chirico, Palazzo Reale, Milano, http://www.palazzorealemilano.it
http://www.dechiricomilano.it


etc.

A Collaboratively Painted ‘Mural of Brotherhood’ Stretches for Over a Mile on Mexico’s Border. ph enrique chiu

 

 

carnet de notes by paolo rinaldi
online weekly magazine 15/07/2019
(travel, viaggi, architettura, interni, design, hotels, ristoranti, bar, luce, arte, mostre, foto, fashion, installazioni, musei, teatro)
carnet de notes 494 has been sent to/
è stato inviato a 16713 recipients/indirizzi
and posted to social networks:
facebook, twitter, linkedin and viadeo

carnet de notes 493

in veneto, il territorio bagnato dal fiume

brenta, e le sue ville

http://www.larivieradelbrenta.it/


carnet de notes 493

carnet de notes by paolo rinaldi, rinaldi.paolo@fastwebnet.it, 0039.3483577940, @paolorinaldi, https://www.facebook.com/paolrin


villa erizzo belvedere

Villa Erizzo Belvedere costituisce insieme al suo Parco romantico ottocentesco con laghetto, montagnola e torretta, il luogo più suggestivo della città di Mirano. All’interno del parco si trova il Castelletto neogotico, finta rovina e gioiello architettonico dovuto all’ideazione dell’architetto Iappelli.

Villa Belvedere è nota soprattutto per il parco, menzionato tra i 10 più belli d'Italia. Parco che è oggi di proprietà comunale ed è stato unificato con quello della adiacente villa Morosini-XXV aprile. Parco e villa hanno finito per prendere il nome dalla ottocentesca torre del Belvedere, di stile neogotico, sulla collinetta di fronte alla villa. La villa fu costruita nel Seicento per conto della famiglia veneziana degli Erizzo presso i laghetti formati dal torrente Musone, dove funzionavano diversi mulini. L'edificio ha un aspetto semplice e sobrio con un piano terra e due piani. Unico elemento distintivo il balcone al piano nobile con tre finestre contornate di pietra d'Istria. Un porticato collega la villa alla barchessa che oggi ospita il teatro della città di Mirano. Un ponticello dietro la barchessa collega le due parti del parco e permette di raggiungere la villa Morosini-XXV aprile. La villa è oggi di proprietà del comune e ne ospita alcuni uffici, oltre al già ricordato teatro nella barchessa. Dei vari elementi strutturali che compongono il castelletto, il più noto è la torretta ottagona a cinque piani, nell’interno della quale si sale attraverso una scala a chiocciola al "Belvedere" dotato di una bifora neogotica per ognuno dei lati dell’ottagono. le grotte sono state costruite con terra di riporto degli scavi del laghetto

http://venetoedintorni.it/ville-casali-veneto/89_Villa-Belvedere–Mirano-VE.html


mirano, chiesa di san michele arcangelo, il campanile e l'altare maggiore

Il Duomo di San Michele Arcangelo si trova in centro città, a pochi passi dal parco del Belvedere. Questa cattedrale che dall'esterno appare estremamente spoglia, niente decorazioni nè scalinate, principalmente nacque come convento per l'ordine degli Agostiniani durante il Quattrocento. Al suo interno si trovano affreschi di Gianbattista Tiepolo, come il Miracolo di Sant'Antonio; si possono notare le statue degli angeli e dell'Arcangelo Michele, opera del Giuseppe Torretto, maestro di Antonio Canova.

l'altare di sant'antonio da padova, painting "il miracolo di s.antonio che riattacca il piede" by giambattista tiepolo

http://www.comune.mirano.ve.it/vivere/luoghi_di_culto/chiesa_mirano.htm


ca' della nave

Verso la meta' del Cinquecento venne costruita la superba villa Grimani Morosini detta Ca della Nave; tra il Seicento ed il Settecento, sorsero anche altre dimore di ricche famiglie veneziane, ma purtroppo ora sono scomparse e molte di esse avevano un oratorio ed erano circondate da proprieta' molto estese. Nel Settecento, Martellago fu praticamente in possesso dei Grimani ai quali appartenevano gran parte delle terre, dei mulini del borgo e tutte le case del paese

il giardino

le botti dipinte

il golf club di ca' della nave

http://www.cadellanave.com/


villa foscari la malcontenta

Villa Foscari, detta “La Malcontenta”, è una villa palladiana della Riviera del Brenta. Andrea Palladio la costruì nel 1554 su richiesta di due committenti, i fratelli Alvise e Nicolò Foscari, discendenti del doge Francesco Foscari: è l'unica dimora progettata dal celebre architetto vicentino in provincia di Venezia. L’architettura di Villa Foscari è un capolavoro di equilibrio formale: Palladio disegna un edificio a pianta centrale su tre piani, perfettamente simmetrico. Le forme sono ispirate a un tempio esastilo d’ordine ionico. Il piano nobile della Villa è decorato da un grandioso ciclo di affreschi di Gian Battista Zelotti (partner, in molte altre opere, di Paolo Veronese) con temi tratti principalmente dalle Metamorfosi di Ovidio

https://www.lamalcontenta.it/


la navigazione sul fiume brenta

Ogni anno, da marzo a ottobre, una romantica minicrociera, tra le Ville Venete della Riviera del Brenta, da Padova a Venezia e viceversa, tra arte e storia, lungo il percorso dell’antico Burchiello veneziano del ‘700.
Il Burchiello era una tipica imbarcazione veneziana per trasporto passeggeri, dotata di una grande cabina in legno, con tre o quattro balconi, finemente lavorata e decorata. Il Burchiello veniva utilizzato dai ceti veneziani più facoltosi per raggiungere dalla città le loro Ville in campagna. Come un tempo, ancor oggi il Burchiello, quale servizio di linea di gran turismo, ripercorre la Riviera del Brenta da Padova a Venezia e viceversa; erede delle antiche tradizioni, solca le acque del Brenta con lento incedere, mentre le guide a bordo illustrano la storia, la cultura e l'arte testimoniata dalle Ville del Brenta

http://www.ilburchiello.it/


villa contarini detta dei leoni

L’aspetto attuale della villa risale al 1558 quando il procuratore Federico Contarini la fece ristrutturare. Deve il nome “dei leoni” ai due leoni posti ai lati della gradinata d’ingresso. Nel 1696 i Pisani, nuovi proprietari, commissionarono a Giambattista Tiepolo gli affreschi raffiguranti l’evento storico del soggiorno del re di Francia Enrico III avvenuto nel 1574 proprio nella villa. Gli affreschi furono nel 1893 venduti a una ricca famiglia francese e oggi sono conservati nel prestigioso Museo Jacquemart-André di Parigi. Villa dei Leoni è proprietà del Comune di Mira dalla metà del XX secolo. 

Con un'azione spregiudicata 125 anni fa, il conte Dino Barozzi vendette a una coppia di facoltosi transalpini, gli affreschi conservati nella villa Contarini detta Dei Leoni a Mira sulla Riviera del Brenta. L'amministrazione del Regno d'Italia non riuscì a tutelare i propri beni che presero la strada di Parigi. Un convegno racconterà questo furto con destrezza. Non è stato solo Napoleone a rapinare le opere d'arte da Venezia, Veneto e Italia, ma, spesso, quadri, pitture, vere da pozzo, capitelli furono venduti

https://www.rivieradelbrentaturismo.com/strutture/villa-contarini-dei-leoni/


dolo, il mulino e il ristorante do mori calici e gusto

Dolo, in provincia di Venezia, si trova nel mezzo della Riviera del Brenta, per la precisione sulle rive della Brenta Vecchio Naviglio. Dolo fa parte di quei territori conquistati all’inizio del quindicesimo secolo dalla Repubblica di Venezia e utilizzati soprattutto, per la loro bellezza, come residenza per i nobili della Serenissima, che qui costruirono splendide ville

https://www.paesionline.it/italia/guida-dolo

https://www.facebook.com/pages/category/Comfort-Food-Restaurant/D%C3%B2-Mori-Dolo-293080644562600/


dolo, gelateria naturale scaldaferro

http://www.scaldaferro.it


Villa Pisani detta anche la Nazionale, rappresenta certamente uno dei più celebri esempi di Villa Veneta della Riviera del Brenta; sorge a Stra, in provincia di Venezia, ed occupa un’ intera ansa del naviglio del Brenta, si estende su una superficie di 11 ettari ed un perimetro esterno di circa 1.500 metri. Venne costruita a partire dal1721 su progetto di Gerolamo Frigimelica e Francesco Maria Preti per la nobile famiglia veneziana dei Pisani di Santo Stefano. Al suo interno sono visibili opere di Giambattista Tiepolo, Giovanni Battista Crosato, Giuseppe Zais, Jacopo Guarana, Carlo Bevilaqua, Francesco Simonini, Jacopo Amigoni e Andrea Urbani

All'epoca della costruzione Villa Pisani contava 114 stanze (oggi sono 168), in omaggio al 114° Doge di Venezia Alvise Pisani. La sua monumentalità ha fatto sì che la villa fosse più volte scelta come residenza o come sede per incontri tra monarchi,capi di stato e di governo; Villa Pisani ha ospitato anche Napoleone Bonaparte nel 1807 ,che la acquistò dalla famiglia Pisani per 1.901.000 lire venete,per poi consegnarla al viceré del Regno d'Italia Eugène de Beauharnais.Nel 1814 la villa diventò proprietà degli Asburgo, diventando luogo di villeggiatura ed ospitando l'aristocrazia europea, da Carlo IV di Spagna allo Zar Alessandro I a Ferdinando II di Borbone, re di Napoli. Nel 1866, anno dell'annessione del Veneto al Regno d'Italia, Villa Pisani divenne proprietà dello Stato, perdendo la funzione di rappresentanza e diventando, nel 1884 museo. Nel 1934 ospitò il primo incontro ufficiale tra Mussolini e Hitler. È stata usata da Pier Paolo Pasolini, nel 1969, per le riprese del film Porcile.

http://www.rivieradelbrenta.biz/ville_venete/villa_pisani.htm


Il parco di Villa Pisani fu realizzato anteriormente allla Villa, su progetto dell’architetto padovano Girolamo Frigimelica de’ Roberti, autore del famoso labirinto del parco oltre che di alcuni degli originali padiglioni come l’Esedra con due gallerie di glicine ai lati, la torretta al centro del labirinto e le scuderie sullo sfondo del grande parterre centrale


intramontabili eleganze. dior a venezia nell'archivio cameraphoto. museo nazionale di villa pisani, stra (ve). fino al 3 novembre 2019

http://www.villapisani.beniculturali.it


A Stra, non lontano da Venezia e Padova, lungo la Riviera del Brenta, nei pressi di Villa Pisani, sorge il complesso architettonico secentesco Villa Foscarini-Rossi. Sulle rive del Brenta, le nobili famiglie veneziane costruirono dimore importanti per la villeggiatura, specchio della loro ricchezza e potenza. Secondo il costume aristocratico, i Foscarini chiamarono illustri architetti, come Vincenzo Scamozzi, Francesco Contini, Giuseppe Jappelli, pittori e decoratori, come Pietro Liberi e Domenico de Bruni, affidando loro il compito di creare e decorare una residenza che esprimesse l'importanza del casato, soprattutto da quando la famiglia aveva dato alla Serenissima un Capitano da Mar e un Doge. Dopo un accurato restauro, l'intero complesso – Villa e Foresteria è stato aperto al pubblico, con l'intento di renderlo vivo cosi come era stato pensato e voluto dai nobili Foscarini; i saloni della Villa sono diventati sede museale, quelli della Foresteria ospitano convegni, meeting, ricevimenti, concerti, esposizioni

http://www.rivieradelbrenta.biz/news_ed_eventi/villa_foscarini_rossi.htm

In Villa sono ospitate due mostre permanenti: una, "Calzature d'Autore" raccoglie i modelli più rappresentativi della produzione di cinquant'anni della Rossimoda, che da anni realizza le calzature dei più famosi stilisti italiani, francesi, americani (Fendi, Genny, Yves Saint Laurent, Givenchy, Ungaro, Anne Klein, Richard Tyler, Vera Wang e altri). L'altra mostra raccoglie una parte della collezione d'arte moderna di Luigino Rossi, presidente del Calzaturificio Rossimoda, proprietario di Villa Foscarini

Il Museo della Calzatura, presso Villa Foscarini Rossi, raccoglie una collezione di http://www.villafoscarini.it/museo.phpine.


Villa Patriarca, villa veneta del 1700 e 4 stelle hotel vicino a Venezia, ha due giardini, una piscina all'aperto, due campi da calcetto, il ristorante Le Moeche e camere accoglienti

http://www.villapatriarca.it/it/home/, http://www.lemoeche.it/


da linda osteria del baccalà, stra (ve)

http://www.osteriadelbaccaladalinda.it


villa widman rezzonico foscari, mira (ve)

Costruita agli inizi del Settecento per volontà dei Serimann, nobili veneziani di origine persiana, la Villa ottenne l’attuale forma solo nella metà dello stesso secolo, quando la famiglia Widmann, dopo avere acquistato l’immobile, lo rimodernò adeguandolo al gusto rococò francese. Il corpo centrale divenne così accogliente dimora per feste e ricevimenti.

A impreziosire il salone principale nel 1865 circa furono chiamati due artisti, allora molto contesi nell’ambiente veneziano, Giuseppe Angeli (1712-1798), discepolo di Giambattista Piazzetta, e Gerolamo Mengozzi Colonna, collaboratore prediletto del Tiepolo. L’attribuzione degli affreschi non è tuttavia certa: alcuni studiosi li ritengono opera di Francesco Zanchi.

https://villawidmann.servizimetropolitani.ve.it/la-villa/


villa allegri von ghega, oriago

villa allegri von ghega si trova a oriago di mira, sulla riviera del brenta, e fu costruita dai conti allegri di vughizzolo nel’ 700 su fondamenta cinquecentesche, quale casino di gioco e casino di caccia. nei mesi estivi era molto frequentata dai patrizi veneziani che vi trascorrevano serate mondane tra divertimenti e gioco. per tipologia si tratta di un classico palazzo veneziano in terraferma. la villa e’ ancora oggi abitata dagli allegri von ghega. la villa è circondata da un ampio parco che nel lato fronte canale è strutturato all’italiana con influenze francesi. nella parte retrostante rimane visibile l’impianto italiano, ma con una prevalenza da parte del giardino ottocentesco romantico all’inglese

villa allegri, nel corso dei secoli, ha ospitato numerose famiglie storiche. nel 1848 fu la dimora del federmaresciallo austriaco radetzky, legato da amicizia con la famiglia allegri von ghega. da questo luogo comando’ l’assedio alla citta’ di venezia, durante l’insurrezione della citta’ contro gli austriaci. dal 1815 vi trascorse lunghi periodi di soggiorno il maresciallo marmont, duca di ragusa, generale di napoleone bonaparte.ospiti in villa furono anche il musicista piero ma scagni, il principe d’arenberg ed il violinista ettore monelli. nel settecento, tra gli ospiti del casino di gioco, ci furono anche giacomo casanova e l'imperatrice sissi

http://www.rivieradelbrenta.biz/ville_venete/villa_allegri.htm


villa farsetti e il suo parco, santa maria di sala

Non molto lontano dalla Riviera del Brenta, a Santa Maria di Sala, si può  ancora oggi ammirare il progetto incompiuto della maestosa villa Farsetti. A tentare la costruzione di questo palazzo immenso e sfarzoso fu l’abate Filippo Farsetti che, appartenuto ad una nobile e ricca famiglia veneziana, era un cultore del mondo classico a tal punto da essere disposto a prendere i voti pur di astenersi dalla vita politica per dedicarsi interamente all’architettura, alle arti e alle sue altre passioni. Filippo Farsetti, fortemente suggestionato dalla magnificenza e dallo splendore della reggia di Versailles, iniziò dagli anni ’40 del ’700 ad immaginare un complesso simile alla residenza francese a Sala. Nella sua tenuta di Sala egli voleva rievocare tutti i principali edifici dell’antica Roma

https://www.baroque.it/luoghi-del-barocco/la-villa-nel-periodo-barocco/villa-farsetti.html


noale

porta e torre trevigiana e il museo degli attrezzi agricoli

I molti reperti archeologici testimoniano che la civiltà era presente nel territorio già in epoca preromana e romana. A questi si aggiungono vari toponimi di chiara origine latina e la disposizione di strade e fossati che ricalca la regolarità della centuriazione. Inoltre, esiste una tradizione che afferma che la comunità di Noale fosse stata evangelizzata da San Prosdocimo, primo vescovo di Padova, nel I secolo. Novalis crebbe d'importanza dopo il 1000 quando venne fortificata per divenire un avamposto militare di Treviso, poco lontano dal confine con la rivale Padova (rappresentato dal fiume Musone)

la rocca dei tempesta. sculture di arnaldo pomodoro

https://it.wikipedia.org/wiki/Noale, http://www.proloconoale.it/


libri

civiltà e cultura di villa tra '700 e '800 a mirano e nella terraferma veneziana. marsilio ed.; edilizia rurale a mirano; giandomenico tiepolo a mirano, gianna marcato, il pratopublising house, http://www.ilprato.com; giandomenico tiepolo. storie di vita quotidiana a venezi e nella teraferma, marsilio ed.; la chiesa parrocchiale di scaltenigo, alda michieletto gasparini, centro studi e documentazione tiepolo; l'arte dei calegheri e dei zavateri di venezia dal medioevo a oggi. edizioni il gazzettino; santa maria delle fratte a scaltenigo, comune di mirano


 

carnet de notes by paolo rinaldi
online weekly magazine 08/07/2019
(travel, viaggi, architettura, interni, design, hotels, ristoranti, bar, luce, arte, mostre, foto, fashion, installazioni, musei, teatro)
carnet de notes 493 has been sent to/
è stato inviato a 16683 recipients/indirizzi
and posted to social networks:
facebook, twitter, linkedin and viadeo

carnet de notes 492

A tablet discovered this year, suggests that Neo-Babylonians may have been the first to start writing break up letters


carnet de notes 492

carnet de notes by paolo rinaldi, rinaldi.paolo@fastwebnet.it, 0039.3483577940, @paolorinaldi, https://www.facebook.com/paolrin


voyages

Ride such iconic trains as Amtrak’s California Zephyr on this epic train journey. Train enthusiasts can ride the rails around the world on one 57-day trip. Conveniently planned by Railbookers, an independent rail vacation operator, this Around the World by Rail journey takes travelers across four continents, making stops in more than 20 cities and five national parks (four in the United States and one in Mongolia!) along the way

https://www.railbookers.co.uk/


Immaginate il viaggio in treno come un’esperienza totalmente nuova e attraente, più di un semplice mezzo di trasporto. Ogni anno, 373 milioni di viaggiatori trascorrono il loro tempo nei treni della compagnia ferroviaria nazionale olandese (NS), che ha programmato di rinnovare i layout interni dei suoi treni all’orizzonte 2025, con la visione dello studio d’architettura olandese Mecanoo e il produttore di mobili Gispen.

Futurix


architecture

conceived for the fictional character from joseph losey’s movie the servant, bureau has built ‘mr barrett’s house‘ on a site in geneva, switzerland. inspired by scenes from the film, in which the background interior is utilized as a stage for the unfolding drama, the concept behind the project aims to create a small space that could potentially serve as a plot for a ‘real-life movie’, making the architecture come to life as an important character itself. ph dylan perrenoud

http://bureau.ac/projects/mr/


This community centre in Vietnam, designed by 1 1>2 Architects, features a bamboo framework and a thatched roof that wraps a concrete amphitheatre. 1 1>2 Architects, which is headed by architect Hoang Thuc Hao, designed the Chieng Yen Community House as a local gathering place and tourist attraction for the commune of Van Ho District in Son La Province.

http://112.com.vn/


Japanese architect Junya Ishigami has designed this year's Serpentine Pavilion, a craggy structure he describes as a "hill made out of rocks". The latest Serpentine Pavilion, located on the lawn outside the Serpentine Gallery in London's Kensington Gardens, comprises a rugged, rocky canopy made out of 61 tonnes of Cumbrian slate. This large mound of slate is held up by a slender steel structure, supported by a grid of 106 pin-ended columns that are arranged randomly to create a "forest"

http://www.jnyi.jp/


Assomiglia più a un aeroporto per la sua imponenza, la nuova stazione di alta velocità di Hong Kong, il più grande nodo ferroviario sotterraneo al mondo, progettato dall’architetto americano Andrew Bromberg dello studio Aedas. Il tetto paesaggistico curvo come percorso pedonale in mezzo a giardini, funge da punto d’osservazione della città. La spettacolare sala principale delle partenze è inondata di luce naturale anche nei punti più bassi, che scorre attraverso 4.000 pannelli di vetro e un colossale tetto galleggiante sostenuto da potenti colonne d’acciaio simili ad alberi: un'autentica cattedrale futuristia

Futurix


hotels, restaurants e bar

Chinese design studio Neri&Hu has topped a tower in Kuala Lumpur, Malaysia, with a hotel arranged around a rooftop pool. The 143-room Alila Bangsar hotel occupies the top eight floors of the 42-storey skyscraper located between the city's Brickfields and Bangsar neighbourhoods.Neri&Hu has completed the architecture and interiors of the hotel, which has been designed to be an "urban oasis"

http://thepractice.neriandhu.com/en


Yellow Treehouse Restaurant/Pacific Environments, Auckland, New Zealand

The tree-house concept is reminiscent of childhood dreams and playtime, fairy stories of enchantment and imagination . It's inspired through many forms found in nature -the chrysalis/cocoon protecting the emerging butterfly/moth, perhaps an onion/garlic clove form hung out to dry. It is also seen as a lantern, a beacon at night that simply glows yet during the day it might be a semi camouflaged growth, or a tree fort that provides an outlook and that offers refuge.The plan form also has loose similarities to a sea shell with the open ends spiralling to the centre. project by Peter Eising & Lucy Gauntlett

https://www.architracker.co/projects/peter-eising-lucy-gauntlett-yellow-treehouse-restaurant


located within the indian city of kolkata, nexus design has completed the interior of a themed pub called ‘refinery 091’. the project begins with the name, as ’91’ is the international dialling code for india and the concept is inspired by an oil refinery – a place that transforms, refines and draws new products from a raw material. with a focus on the materiality of the space, the scheme intends to provide a high-quality bar that brings drinks, food and entertainment to the ‘next level’

https://www.designboom.com/design/nexus-design-refinery-091-pub-kolkata-india-05-06-2019/


Sadie Barnette’s Homage to Her Father and the First Black-Owned Gay Bar in San Francisco. Sadie Barnette mines memories to turn them into glittering, physical spaces. Her latest installation, The New Eagle Creek Saloon, is a recreation of the gay bar her father ran in the early ’90s

https://www.thelab.org/projects/2019/5/11/sadie-barnette-the-new-eagle-creek-saloon


design

Cotone, Ronan & Erwan Bouroullec per Cassina

https://www.cassina.com/it


sofa by adele c

https://www.adele-c.it/it/


wam by marco zito per bross

https://www.bross-italy.com/


trix by piero lissoni for kartell

http://www.kartell.com/it/


Mbarq sofa for Dedon by Sebastian Herkner

https://www.dedon.de/


melissa peen per prades

http://www.prades.nl, ww.new-nature.eu


lumières

from top left, clockwise

equilibrio by michele de lucchi, boa by Carlo Guglielmi, Pleiadi quadrata by

Attilio Stocchi, newton by franco raggi, etoile by daniela puppa, kate by

benedetta miralles tagliabue

https://www.firmamentomilano.com/


from top left, clockwise

Il Silenzio, Ilkka Suppanen per SAAS Instruments, https://saas.fi/

lamp by salviati, https://www.salviati.com/

Oops by Ingo Maurer, https://www.ingo-maurer.com/it/

Lladro, Nightbloom Floor Lamp byMarcel Wanders, https://www.lladro.com/


Mariarosaria Iavarone, Preferivo i fenici, lampada da tavolo e sospensione ispirata ai candelabri etruschi, premio Isia Faenza design & cominicazione

https://www.isiafaenza.it/tag/design/


mostre/exhibitions

Molteni&C e UniFor partecipano alla mostra Aldo Rossi e la Ragione. Architetture 1967-1997, a Padova al Palazzo della Ragione (fino al 29 settembre 2019). La mostra presenta la selezione delle architetture progettate e costruite dall'architetto milanese che costituisce ancora oggi un riferimento imprescindibile per la ricerca e lo studio della scienza urbana

molteni.it, dada-kitchens.com

http://padovacultura.padovanet.it/it/musei/palazzo-della-ragione


Gonzales-Foerster Dominique, Hotel Color, 1995

Opere dalla Collezione Sandretto Re Rebaudengo a Palazzo Biscari, Catania (fino al 24 agosto 2019)

http://fsrr.org/http://www.palazzobiscari.com/info/palazzo.htm


 

Apre a Gibellina (TP) il Museo del Grande Cretto, istituzione dedicata all’omonima opera di Land Art realizzata da Alberto Burri (Città di Castello, 1915 – 1995). L’artista nel 1981 ricoprì la cittadina siciliana con una colata di cemento bianco, in ricordo del violento terremoto che nel 1968 colpì Gibellina, radendola al suolo.

Il nuovo museo, che custodisce al suo interno testimonianze che raccontano la storia del Grande Cretto, è stato inaugurato lo scorso 24 maggio all’interno dell’ex Chiesa di Santa Caterina, edificio rimasto indenne dal terremoto. Partendo dall’opera Grande Cretto di Gibellina, l'esposizione ripercorre la ricerca dell'artista Alberto Burri con una selezione di lavori esemplari, letti in relazione alla "poetica della ferita". La mostra è un progetto itinerante, ospitata dal MAG, Museo Alto Garda, in collaborazione con il Mart

https://www.ilsicilia.it/gibellina-nellex-chiesa-di-santa-caterina-aprira-il-museo-del-grande-cretto/


eventi

Le opere di autori storicizzati come Giulio Paolini, Luigi Mainolfi e Roberto Barni, ma anche di artisti emergenti, popoleranno gli spazi interni ed esterni dell’antica borgata di Lunetta, per una mostra che dura tutta l’estate, fino al 15 settembre 2019. Borgata Lunetta 11, 12070 Mombarcaro (CN)

http://www.comune.mombarcaro.cn.it/


Villa Surre a Sarnico, ph. Sergio Ramari

Mostre dedicate agli artisti più iconici, visite guidate e itinerari per riscoprire le architetture liberty più affascinanti: dall’8 al 14 luglio una manifestazione internazionale mette l’Art Nouveau al centro della scena.

L’Art Nouveau Week è la prima manifestazione a carattere internazionale che celebra il movimento sviluppatosi a cavallo tra ‘800 e ‘900, appunto l’Art Nouveau. Organizzato dall’associazione Italia Liberty l’Art Nouveau Week rispecchia l'idea di Turismo Culturale, guardando l’esempio di Barcellona. Tra le iniziative, c’è il premio Best Liberty City, che sarà assegnato alla città Liberty italiana meglio fotografata e documentata mentre Urbex Experience consisterà in un viaggio itinerante di una settimana, organizzato dall’associazione Italia Liberty, alla scoperta dei dieci edifici Art Nouveau più affascinanti

http://www.italialiberty.it


left, the allman betts band-duane betts & devon allman, festival narcao blues, narcao (sardegna), 17/21 luglio

http://www.narcaoblues.it

right, devil quartet 2018@roberto cifarelli, dal primo al 15 agosto (più anteprima il 18 luglio) il ventunesimo festival Dromos:
musica e appuntamenti tra Oristano e altri dodici centri
per un'edizione intitolata "Casta Diva"

http://www.dromosfestival.it


Fondazione Sassi, Il pane e la prosperita, Tarshito with Benedetta e Benedetto Martinelli, Maiolica con smalto blu screziato

Festival La Terra del pane, Ceramiche e sculture in terracotta di Tarshito, Arte contemporanea in Fondazione Sassi, Ipogei della Fondazione Sassi, Matera, fino al 21 luglio 2019

 https://www.fondazionesassi.org/


photos

photographer romain jacquet-lagrèze creates poems from hong kong's street signs

https://www.romainjl.com/


etc.

A "rampant cast of character-objects" that includes furniture, lighting and sculpture are displayed at artist and designer Misha Kahn's first solo show in Los Angeles

https://www.mbart.com/

 

carnet de notes by paolo rinaldi
online weekly magazine 01/07/2019
(travel, viaggi, architettura, interni, design, hotels, ristoranti, bar, luce, arte, mostre, foto, fashion, installazioni, musei, teatro)
carnet de notes 492 has been sent to/
è stato inviato a 16688 recipients/indirizzi
and posted to social networks:
facebook, twitter, linkedin and viadeo

carnet de notes 491

Contrada Erasmo è un atelier di artigiani che offre materiali e superfici, creative e di design, per la realizzazione di pareti o mobili su misura per interni di fascia alta. Un progetto nato dalla volontà di Erasmo Figini, designer di tessile, di prodotto e d’interni che propone oggetti inusuali nati dal recupero di vari materiali come le barrique colorate dagli anni di sedimentazioni del vino. Contrada Erasmo è un progetto che ha origine nell’impegno sociale: la Contrada degli Artigiani S.C.S. Un centro d’eccellenza a Como per il recupero della dispersione scolastica e l’inserimento lavorativo di ragazzi che vivono condizioni sociali, economiche e personali difficili. Un luogo dove maestri artigiani, rinnovando la tradizione, trasmettono il valore del lavoro, le tecniche e i segreti dei più antichi mestieri tradizionali ai giovani, insegnando la professionalità di un vero lavoro e realizzando prodotti di alto valore qualitativo nel campo dell’arredo e della decorazione di interni

http://www.contradaerasmo.com


carnet de notes 491

carnet de notes by paolo rinaldi, rinaldi.paolo@fastwebnet.it, 0039.3483577940, @paolorinaldi, https://www.facebook.com/paolrin


voyages

fabriano (ancona), città creativa dell'unesco

http://www.fabrianoturismo.it/


quartiere jimbocho a Tokyo, interamente dedicato libri

http://www.turismo-giappone.it


architecture

Le Village rappresenta un nuovo modello di gestione degli spazi, delle attività lavorative e del business. Nato a Parigi nel 2014 per iniziativa di Crèdit Agricole, è oggi presente con 29 siti attivi e altri in prossima apertura in tutta la Francia. Il progetto inaugura in Italia la prima struttura insediata fuori dai confini della Francia. Il progetto di interior design di DEGW, brand del gruppo Lombardini22 dedicato alla progettazione integrata di ambienti per il lavoro, si è confrontato con il pregio di un ex convento del Quattrocento recentemente ristrutturato vincolato alla Soprintendenza delle Belle Arti di Milano

http://www.degw.it/


Lianjie Wu designs affordable homes that are deliberately left unfinished for residents to complete themselves. Wu's project, called Beyond the Shell, reimagines the traditional high-rise tower as a modular, multi-storey estate, with public and private spaces of different sizes stacked on top of each other.

http://unit-19.net/lianjie-lj-wu-year-5


Hangzhou Xixi Green Office Complex, project by Gad

https://www.gadarchitecture.com/en/


junsekino builds a translucent library for community in rural thailand. the library is located among the peaceful nature of the petchaburi province in thailand, with 360 views of its surroundings. the owner wanted to build a small public library, run only by one librarian, as a gift to the community to be enjoyed by anyone

http://www.junsekino.com/


interiors

oranges floating through the space. floating oranges flood interiors of apartment in madrid by arquitectura al descubierto

the architects renovated the apartment in a way that reminds visitors of trees and nature. in addition to the spatial organization of the apartment, the black steel structural columns and beams against the white surfaces of the home also remind viewers of a tree with branches spanning the entire length of the rooms. the tree and natural theme were further enhanced when the apartment was photographed and the architects decided to add a rather unusual twist to the spaces

https://www.arquitecturaldescubierto.com/


hotels, restaurants e bar

The Adler Hotel Group have completed construction on a new, minimalist eco-hotel in Italy’s Dolomites mountain range. Called Adler Lodge Ritten, the project is located on the Ritten plateau, a short walk from the region’s historic narrow-gauge railway

https://www.adler-resorts.com/it/adler-lodge-ritten/73-0.html


Zero Waste Bistro, a temporary restaurant commissioned by the Finnish Cultural Institute in New York was designed by Linda Bergroth, and co-curated by Bergroth and designer Harri Koskinen. Zero Waste Bistro was built on themes of circular economy, new material innovations, and sustainable design

http://www.lindabergroth.com/


il ristorante in bambù di sundy praia a principe, nell'arcipelago di sao tome e principe. progetto di didier lefort

http://www.dl2a.fr/


situated within the nanshan district of shenzhen, china, waterfrom design has envisioned the interior of ‘doko bar’ dessert shop. inspired by andy warhol’s famous words that ‘in the future everybody will be world-famous for 15 minutes‘, the concept behind the entire project focuses on placing diners at the center of a grand show. with social media and celebrity culture in mind, the place aims to become a 360 degree ‘theater experience’ of observing and being observed. from the open, transparent spaces, to the bright colors and perfectly ‘instagrammable’ plates of food, every step of the process is designed to see and be seen. design: waterfrom design

https://www.waterfrom.com/


design

Rain falls through the air in smooth curvaceous orbs, instantaneously splitting as it splatters to the ground. Chinese artist Bian Xiaodong’s glossy ceramics resemble these falling droplets, however their inverted forms drip upwards rather than down. The artist crafts his gravity-defying artworks from kaolin clay derived from Jingdezhen —a part of east China’s Jiangxi Province known for its history of crafting porcelain. ph bian xiaodong

https://www.chinadesigncentre.com/works/maison-et-objet-2018-xiaodong-bian-cocoon.html


Ka sofa by Kenzo Kuma, produced by Time & Style. The commercialization of the KA Sofa was first started by a custom-order sofa produced for the Wuxi Vanke art gallery, designed by Kengo Kuma in China

http://www.timeandstyle.nl, https://kkaa.co.jp/


friul mosaic, design luisa bocchietto

http://www.friulmosaic.com


‘bisel’ by patricia urquiola for glassdesign

https://www.glassdesign.it/


anfora della serie boundaries, progetto realizzato per Camp Design Gallery    in collaborazione con Gobbetto Resine by matteo pellegrino. ph marta marinotti

https://matteopellegrino.com/Contact


the exoticism of the ethimo ‘rafael’ collection brings alive any outdoor space. its armchair, day bed and tables are exotic, special and, above all else, natural. they were designed by paola navone who reinterpreted the aesthetic of distant landscapes into the furniture

https://www.ethimo.com/it


from top

collezione bitta lounge by kettal, design rodolfo dordoni

https://www.kettal.com/it/particular/collezione/bittalounge/

ames, barro rojo, ph andres valbuena

https://www.ames-shop.de/#emotion–start


showrooms and shops

Tale of Tiles is the architecture of a dreamlike palace created by studio Marcante – Testa as the setting for their latest collection of “Dekorami” ceramics, designed for the Italian brand Ceramica Vogue

http://www.marcante-testa.it, https://www.ceramicavogue.it/


mostre/exhibitions

Le mostre del Vitra Design Museum (from top)

Balkrishna Doshi: Architecture for the People è il titolo della retrospettiva, la prima fuori del continenete asiatico, dell'architetto indiano premio pitzker 2018

il Buckminster Fuller Dome ospita la mostra 'Food Shaping Kyoto’, nata da una collaborazione tra gli architetti di Basilea, Shadi Rahbaran e Manuel Herz, e il Kyoto Design Lab. La mostra visualizza i risultati di ricerche e workshop condotti a Kyoto, uno dei centri più vivaci della cultura alimentare in tutto il mondo

Virgil Abloh per Vitra, TwentyThirtyFive, Ceramic Block & Antony

Living in a Box: Design and Comics

https://www.design-museum.de/en/information/the-vitra-design-museum.html


tadao ando, the challenge, retrospective, armani silos, milano

https://www.armanisilos.com/it/


from top left, clockwise

i fortuny, una storia di famiglia, palazzo fortuny, venezia

http://www.visitmuve.it/en/home/

segantini, dalla fondazione gottfrie keller, lac lugano arte e cultura

http://www.masilugano.ch

pier toffoletti, fearless, pan palazzo delle arti di napoli

http://www.comune.napoli.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/16592

walead beshty, mamco, geneva, thomasdanegallery

 http://www.thomasdanegallery.com

https://www.mamco.ch/en/1600/Walead-Beshty

pahsi lin, monologo di doratura-infinito, villa reale di monza

http://www.villarealedimonza.it

the warm of other sun, phillips collection and the new museum, seventy artists about migration

https://www.newmuseum.org/


eventi

l'aia in festa

Caravaggio (Bg). Dal 22 giugno al 14 luglio 2019 alla Fattoria del Centro Verde le vere star sono le galline! Un viaggio tra galline dalle uova blu, azzurre e verdi, con gli esperti del Centro Verde

http://www.centroverde.com


Dall’1 al 4 agosto, Lonato in Festival omaggia il Circo contemporaneo. Artisti di strada, teatro di figura, musicisti, gruppi etnici provenienti da più parti del mondo animeranno la 7° edizione della rassegna con decine di spettacoli. Per i bambini, Laboratori di giocoleria e di costruzione di burattini

http://www.lonatoinfestival.it


Dal 7 al 16 agosto a Berchidda (Ss) e in altre località del nord Sardegna
la trentaduesima edizione di Time in Jazz, festival diretto da Paolo Fresu

http://www.timeinjazz.it


photos

from top left, clockwise

archivio fotografico italiano, http://www.archiofotografico.org

jessie chaney, http://www.jessiechaney.com

verena guther, pytongallery, www.pytongallery,ch

piero mollica, riccardo costantini contemporary, http://www.rccontemporary.com

vera rossi, antonia jannone, http://www.antoniajannone.it


etc.

Welcome to the religion named Artificial Intelligence. Whether we like it or not, all of us taking part in modern technological systems are already praying to a hyper-intelligent God

 

carnet de notes by paolo rinaldi
online weekly magazine 24/06/2019
(travel, viaggi, architettura, interni, design, hotels, ristoranti, bar, luce, arte, mostre, foto, fashion, installazioni, musei, teatro)
carnet de notes 491 has been sent to/
è stato inviato a 16682 recipients/indirizzi
and posted to social networks:
facebook, twitter, linkedin and viadeo